Piattaforma espositiva

Forum Arteplage Neuchâtel

Per costruire la piattaforma, gli architetti hanno utilizzato una tecnica millenaria nella regione: la costruzione di palafitte. 

Il foro, un'enorme piattaforma di 26'791.20 m2 (183.00 m x 146,40 m), era un'isola artificiale che si ergeva sopra il livello dell'acqua. 480 pali sostenevano il foro, composto da un totale di 90 elementi piani (12.20 m x 24.40 m).

Pali
I pali delle piattaforme sono stati utilizzati per la seconda volta all'Expo: provenivano da impianti di teleriscaldamento della Repubblica Ceca. Batigroup li ha acquistati, li ha messi a disposizione di Expo.02 e poi li ha reinseriti nel proprio processo di costruzione. I tubi del teleriscaldamento smontati sono stati saldati a Cornaux per formare 228 pali di 0.53 metri di diametro e 48.00 metri di lunghezza, poi conficcati nel terreno per 32.00 metri nel sito di Arteplage. Altri 54 pali metallici hanno sostenuto i carichi del tetto e la costruzione della torre.

Travi in acciaio
Il produttore, Ferroflex di Rothrist, ha noleggiato le travi HEB 300 a Batigroup per la durata di Expo.02 e le ha immesse sul mercato nel 2003, con tre anni di ritardo. Per garantire che le travi rimanessero intatte, Batigroup ha fatto saldare le due barre di rinforzo per ogni trave su scarpe d'acciaio per il sottotensionamento e le ha fatte saldare sulle estremità delle travi. I puntoni della sottotensione poggiavano sulle barre di rinforzo ed erano fissati alla trave con morsetti a vite. In questo modo, al termine dell'Expo.02, la sottotensione poteva essere svitata e rimossa senza danneggiare la trave.

Elemento della piattaforma
La superficie portante della piattaforma era costituita da una struttura a pila di tavole in legno di abete. 240 travi di legno per ogni elemento della piattaforma (12.20 m x 24.40 m x 0.33 m) sono state avvitate insieme in due strati, ciascuno sfalsato in altezza. L'EPF di Losanna ha sviluppato questo sistema, chiamato Dalle O'Portune, che sostiene camion del peso di 28 tonnellate. I pannelli Kerto, legname scandinavo impiallacciato, hanno rivestito l'ala. Tutte le giunzioni in legno erano avvitate. Dopo l'Expo.02 queste sono state nuovamente allentate e il legno è stato successivamente utilizzato per infrastrutture agricole.

Arteplage
Neuchâtel

Concetto
Concept Bois Technologie SA, St-Sulpice www.cbs-cbt.com

Appaltatore generale
Batigroup, Basilea

Responsabile Batigroup 
Jean-Marc Allegri (direzione del progetto)
Lucien Mulhaupt (direzione di progetto)
Jean-Claude Rais (direzione del cantiere)
François Prongué (gestione del cantiere)
Alex Pritz (gestione del cantiere)

Ingegneri
Guscetti & Tournier SA (cancellata), Genève
Géotechnique Appliquée Deriaz SA, Ginevra
Dauner Ingénieurs Conseils Sàrl (cancellato), Aigle
Concept Bois Technologie SA, St-Sulpice www.cbs-cbt.com
Allemand Jeanneret Schmid (Nuovo: AJS ingénieurs civils SA), Neuchâtel www.ajs.ch 

Supporto ambientale
Prona AG, Biel-Bienne www.prona.ch 

Attrezzature da cantiere Cornaux
Batigroup, Neuchâtel 

Fondazioni
Keller Spezialtiefbau, Baden-Baden, Germania www.keller-spezialtiefbau.de

Ingegneria idraulica
Schweizer Wasserbau AG, Aesch

Costruzioni in acciaio
Zwahlen Mayr SA, Aigle www.zwahlen.ch

Costruzione in legno
Concept Bois Technologie SA, St-Sulpice www,cbs-cbt.com

Expo.02 responsabile
Bernard Bourquin, responsabile costruzioni 
René Spahr, capo di Arteplage Neuchâtel

Foto: © Atelier Oï SA; © Erdjan Opan; © Philippe Rualt; © Archivio Ralph Ammann; Expo.02 Presentazione